Ottenere informazioni rapide e attendibili in qualsiasi settore della Pubblica Amministrazione Locale non è sicuramente un compito facile. Moltissime sono le fonti che possono fornire dati importanti e informazioni decisive..

Dati fondamentali in grado di fornire in tempo reale, se gestiti da una piattaforma dedicata, l’analisi dell’andamento di un settore, l’evoluzione della popolazione, o l’analisi dei flussi economici di tutto l’Ente. Gli stessi dati, gestiti in traiettoria, possono anche aiutare a prevedere gli sviluppi delle attività e correlare tra di loro diversi fattori gestionali.
La Business Intelligence è dunque il metodo e lo strumento per utilizzare i dati e costruire analisi e visualizzazioni utili alla conoscenza e alla decisione.
Un progetto di Business Intelligence è dunque costituito da una serie di attività di analisi, sviluppate per garantire il funzionamento dei servizi trasversali dell’Ente Locale, come ad esempio i servizi sociali, finanziari, del personale, dell’edilizia ecc..
Attraverso tecnologie specializzate, indipendentemente dalle applicazioni gestionali, gli operatori e i dirigenti utilizzano gli strumenti di Business Intelligence, costruendosi autonomamente dei processi di analisi, dai più semplici ai più complessi. Le analisi possono poi rappresentare, con metafore grafiche ad alta capacità di aggregazione e comunicazione, visualizzazioni dell’andamento e delle performance delle attività.

Un progetto di Business Intelligence consente quindi di:
• Ridurre i costi
• Migliorare l’efficienza
• Velocizzare ed ottimizzare il processo decisionale.

l nostro approccio alla Business Intelligence non è strettamente tecnologico. Crediamo infatti che serva molta attenzione e competenza nella definizione dei metodi e degli obiettivi che il cliente si pone.
Gli strumenti di Business Intelligence sono potenzialmente trasversali a tutte le applicazioni informatiche dell’Ente. La progettazione e l’analisi quindi sono il primo elemento importante. Sono fasi importanti il cui obiettivo principale è quello di lavorare assieme ai capi progetto del cliente, sia responsabili IT che dirigenti e funzionari dei singoli servizi interessanti. I progetti di Business Intelligence sono una grande occasione di trasferimento di competenze tecniche direttamente ai clienti, veri conoscitori dell’ambito e della portata funzionale dei loro dati.

Gli strumenti di Business Intelligence che proponiamo:
• non richiedono grandi investimenti;
• non richiedono sostituzioni delle attuali applicazioni;
• sono lo stato dell’arte a livello internazionale;
• costituiscono una vera e propria piattaforma web a cui si possono aggiungere nel tempo sempre nuove fonti di dati, proporzionalmente all’entrata di nuove aree e/o applicazioni;
• non consentono solo l’analisi di consistenza sui dati attuali ma anche l’analisi di scenario;
• sviluppano le simulazioni che proiettano gli effetti potenziali di enne decisioni operative.

I metodi e gli strumenti

I servizi e le tecnologie

• La piattaforma: sono utilizzate le tecnologie dei più importanti produttori internazionali di Business Intelligence.
Per i progetti legati alle applicazioni delle software house del Gruppo Maggioli vengono adottate, in logica OEM, le soluzioni di Business Objects Inc.; per gli altri progetti la scelta viene effettuata tenendo presente la migliore soluzione nello specifico contesto del cliente.
• L’analisi e la progettazione: importantissima è l’attività consulenziale. Il nostro approccio alla Business Intelligence è basato su alcuni processi che puntano da una parte ad una scomposizione della complessità tipica di questi progetti per dare in un periodo molto breve un immediato feedback operativo, dall’altra a definire da subito la portata per fasi dell’intervento. Anche in questa fase i consulenti dei Business Intelligence Labs propongono un forte coinvolgimento del cliente per lavorare assieme e condividere le competenze sviluppate nel corso del progetto.
• La formazione di metodo: il trasferimento di competenza comincia sui metodi e sulle strategie di progettazione che, nel momento stesso in cui sono operate nel progetto vengono condivise e apprese. Rapporto tra base dati e metadati, definizione delle metriche, modelli di performance management sono alcuni degli oggetti della formazione consulenziale oggetto di queste attività.
• La formazione sui dati e sugli strumenti: i progetti di Business Intelligence rendono i nostri clienti autonomi sui dati. Per esserlo il secondo elemento chiave, oltre a conoscere i metodi e la teoria di progettazione, è l’esperienza e la competenza operativa sugli strumenti tecnologici di analisi.
• L’assistenza e la consulenza: l’analisi dei dati è un processo, in alcuni casi un’attività quotidiana. I nostri consulenti sono a disposizione sia per l’assistenza funzionale e tecnica sia per l’apertura di nuovi scenari all’emergere di nuove esigenze seguendo il cliente anche dopo l’avvio in produzione del progetto.
Operiamo in due contesti diversi con un approccio che condivide alcuni punti ma che si distingue in altri.

Vi possono anche essere situazioni di transito da uno schema all’altro.

A) Se il cliente ha già installato un software del Gruppo Maggioli
Per tutte le applicazioni del Gruppo Maggioli sono già state realizzate le rappresentazioni dei metadati dei database gestiti, tali schemi vengono installati presso il cliente e già dal primo giorno è possibile lavorare operativamente all’analisi dei dati.

Le fasi di un progetto tipo possono quindi essere:
1. Installazione della piattaforma e della tecnologia di base
2. Setup degli schemi di metadati e dei pacchetti di base di
analisi per le applicazioni presenti
3. Analisi e consulenza per la definizione delle analisi
necessarie, dei cruscotti e degli indicatori
4. Analisi e consulenza per la creazione di ambienti di
simulazione dei dati
5. Formazione.

B) Se il cliente non ha installato un software del Gruppo Maggioli
Le tecnologie messe a disposizione sono compatibili con ogni ambiente di database. La forza di questo approccio è che si può procedere a creare valore con i dati in proprio possesso senza per forza sostituire le applicazioni esistenti.
Nel caso non vi siano installati software del Gruppo Maggioli va sviluppato un progetto vero e proprio con l’implementazione di un data warehouse che rappresenti i dati in un universo semantico proprio.

Queste le modalità di progetto che, pur non discostandosi molto dai precedenti enfatizza maggiormente l’analisi iniziale sui dati:
1. Installazione della piattaforma di base e degli strumenti di data integration
2. Analisi con il cliente dei domini di dati coinvolti sia dal punto di vista funzionale che tecnico
3. Implementazione del data warehouse
4. Realizzazione di un primo pacchetto di analisi di base
5. Formazione
6. Analisi e consulenza per la creazione di ambienti di simulazione dei dati.

I due contesti principali

Il valore finale

Tre gli output forti di progetti di questo tipo,
• Le analisi: non report o stampe ma insiemi di dati che possono essere navigati in diverse dimensioni alla ricerca d’informazioni precise e granulari. Infatti consultare un’analisi significa produrre istantaneamente tutte le visualizzazioni necessarie, leggere un report significa invece consultare una visualizzazione statica.
• I cruscotti: i cruscotti o tableau de bord sono sistemi di aggregazione dei dati che attraverso metafore grafiche come tachimetri, gauge o slider a barra consentono una immediata percezione dell’andamento di indicatori e performance del servizio.
• Le simulazioni: le simulazioni, livello più sofisticato della soluzione, costituiscono un sistema vero e proprio di controllo e previsione degli scenari. È a questo livello che si arrivano a definire precise politiche decisionali potendo calcolare l’effetto di singole scelte e di specifici interventi manageriali sull’intero dominio dei servizi.

Ottenere informazioni rapide e attendibili in qualsiasi settore della Pubblica Amministrazione Locale non è sicuramente un compito facile. Moltissime sono le fonti che possono fornire dati importanti e informazioni decisive..

Dati fondamentali in grado di fornire in tempo reale, se gestiti da una piattaforma dedicata, l’analisi dell’andamento di un settore, l’evoluzione della popolazione, o l’analisi dei flussi economici di tutto l’Ente. Gli stessi dati, gestiti in traiettoria, possono anche aiutare a prevedere gli sviluppi delle attività e correlare tra di loro diversi fattori gestionali.
La Business Intelligence è dunque il metodo e lo strumento per utilizzare i dati e costruire analisi e visualizzazioni utili alla conoscenza e alla decisione.
Un progetto di Business Intelligence è dunque costituito da una serie di attività di analisi, sviluppate per garantire il funzionamento dei servizi trasversali dell’Ente Locale, come ad esempio i servizi sociali, finanziari, del personale, dell’edilizia ecc..
Attraverso tecnologie specializzate, indipendentemente dalle applicazioni gestionali, gli operatori e i dirigenti utilizzano gli strumenti di Business Intelligence, costruendosi autonomamente dei processi di analisi, dai più semplici ai più complessi. Le analisi possono poi rappresentare, con metafore grafiche ad alta capacità di aggregazione e comunicazione, visualizzazioni dell’andamento e delle performance delle attività.

Un progetto di Business Intelligence consente quindi di:
• Ridurre i costi
• Migliorare l’efficienza
• Velocizzare ed ottimizzare il processo decisionale.

l nostro approccio alla Business Intelligence non è strettamente tecnologico. Crediamo infatti che serva molta attenzione e competenza nella definizione dei metodi e degli obiettivi che il cliente si pone.
Gli strumenti di Business Intelligence sono potenzialmente trasversali a tutte le applicazioni informatiche dell’Ente. La progettazione e l’analisi quindi sono il primo elemento importante. Sono fasi importanti il cui obiettivo principale è quello di lavorare assieme ai capi progetto del cliente, sia responsabili IT che dirigenti e funzionari dei singoli servizi interessanti. I progetti di Business Intelligence sono una grande occasione di trasferimento di competenze tecniche direttamente ai clienti, veri conoscitori dell’ambito e della portata funzionale dei loro dati.Gli strumenti di Business Intelligence che proponiamo:
• non richiedono grandi investimenti;
• non richiedono sostituzioni delle attuali applicazioni;
• sono lo stato dell’arte a livello internazionale;
• costituiscono una vera e propria piattaforma web a cui si possono aggiungere nel tempo sempre nuove fonti di dati, proporzionalmente all’entrata di nuove aree e/o applicazioni;
• non consentono solo l’analisi di consistenza sui dati attuali ma anche l’analisi di scenario;
• sviluppano le simulazioni che proiettano gli effetti potenziali di enne decisioni operative.

I metodi e gli strumenti

I servizi e le tecnologie

• La piattaforma: sono utilizzate le tecnologie dei più importanti produttori internazionali di Business Intelligence.
Per i progetti legati alle applicazioni delle software house del Gruppo Maggioli vengono adottate, in logica OEM, le soluzioni di Business Objects Inc.; per gli altri progetti la scelta viene effettuata tenendo presente la migliore soluzione nello specifico contesto del cliente.
• L’analisi e la progettazione: importantissima è l’attività consulenziale. Il nostro approccio alla Business Intelligence è basato su alcuni processi che puntano da una parte ad una scomposizione della complessità tipica di questi progetti per dare in un periodo molto breve un immediato feedback operativo, dall’altra a definire da subito la portata per fasi dell’intervento. Anche in questa fase i consulenti dei Business Intelligence Labs propongono un forte coinvolgimento del cliente per lavorare assieme e condividere le competenze sviluppate nel corso del progetto.
• La formazione di metodo: il trasferimento di competenza comincia sui metodi e sulle strategie di progettazione che, nel momento stesso in cui sono operate nel progetto vengono condivise e apprese. Rapporto tra base dati e metadati, definizione delle metriche, modelli di performance management sono alcuni degli oggetti della formazione consulenziale oggetto di queste attività.
• La formazione sui dati e sugli strumenti: i progetti di Business Intelligence rendono i nostri clienti autonomi sui dati. Per esserlo il secondo elemento chiave, oltre a conoscere i metodi e la teoria di progettazione, è l’esperienza e la competenza operativa sugli strumenti tecnologici di analisi.
• L’assistenza e la consulenza: l’analisi dei dati è un processo, in alcuni casi un’attività quotidiana. I nostri consulenti sono a disposizione sia per l’assistenza funzionale e tecnica sia per l’apertura di nuovi scenari all’emergere di nuove esigenze seguendo il cliente anche dopo l’avvio in produzione del progetto.
Operiamo in due contesti diversi con un approccio che condivide alcuni punti ma che si distingue in altri.Vi possono anche essere situazioni di transito da uno schema all’altro.

A) Se il cliente ha già installato un software del Gruppo Maggioli
Per tutte le applicazioni del Gruppo Maggioli sono già state realizzate le rappresentazioni dei metadati dei database gestiti, tali schemi vengono installati presso il cliente e già dal primo giorno è possibile lavorare operativamente all’analisi dei dati.

Le fasi di un progetto tipo possono quindi essere:
1. Installazione della piattaforma e della tecnologia di base
2. Setup degli schemi di metadati e dei pacchetti di base di
analisi per le applicazioni presenti
3. Analisi e consulenza per la definizione delle analisi
necessarie, dei cruscotti e degli indicatori
4. Analisi e consulenza per la creazione di ambienti di
simulazione dei dati
5. Formazione.

B) Se il cliente non ha installato un software del Gruppo Maggioli
Le tecnologie messe a disposizione sono compatibili con ogni ambiente di database. La forza di questo approccio è che si può procedere a creare valore con i dati in proprio possesso senza per forza sostituire le applicazioni esistenti.
Nel caso non vi siano installati software del Gruppo Maggioli va sviluppato un progetto vero e proprio con l’implementazione di un data warehouse che rappresenti i dati in un universo semantico proprio.

Queste le modalità di progetto che, pur non discostandosi molto dai precedenti enfatizza maggiormente l’analisi iniziale sui dati:
1. Installazione della piattaforma di base e degli strumenti di data integration
2. Analisi con il cliente dei domini di dati coinvolti sia dal punto di vista funzionale che tecnico
3. Implementazione del data warehouse
4. Realizzazione di un primo pacchetto di analisi di base
5. Formazione
6. Analisi e consulenza per la creazione di ambienti di simulazione dei dati.

I due contesti principali

Il valore finale

Tre gli output forti di progetti di questo tipo,
• Le analisi: non report o stampe ma insiemi di dati che possono essere navigati in diverse dimensioni alla ricerca d’informazioni precise e granulari. Infatti consultare un’analisi significa produrre istantaneamente tutte le visualizzazioni necessarie, leggere un report significa invece consultare una visualizzazione statica.
• I cruscotti: i cruscotti o tableau de bord sono sistemi di aggregazione dei dati che attraverso metafore grafiche come tachimetri, gauge o slider a barra consentono una immediata percezione dell’andamento di indicatori e performance del servizio.
• Le simulazioni: le simulazioni, livello più sofisticato della soluzione, costituiscono un sistema vero e proprio di controllo e previsione degli scenari. È a questo livello che si arrivano a definire precise politiche decisionali potendo calcolare l’effetto di singole scelte e di specifici interventi manageriali sull’intero dominio dei servizi.